martedì 28 maggio 2013

la rosa di Cantù

Esecuzione della rosa: seconda e ultima parte







nel post precedente eravamo arrivati alla punta della fogliolina con 4 coppie di fuselli






con le due coppie a sinistra si fa una cordetta che dovrà girare tutto attorno alla corolla fino a ricongiungersi nel punto di partenza, agganciare bene.

NB: la cordetta non dovrà essere nè troppo lunga nè troppo corta come è capitato a me che per proseguire nel lavoro (avevo molto poco tempo) sono stata costretta a tagliarla ed infatti il risultato finale non è perfetto.





per iniziare il primo petalo a mezzo punto si mette uno spillo all'estremità destra e vi si posizionano 4 coppie di fuselli così che il petalo è lavorato con 8 coppie. Si lavora il piede all'esterno.






nel caso del mezzo punto a sinistra il portante viene girato una volta e agganciato direttamente alla cordetta.
I primi tre petali sono lavorati a mezzo punto e tra un petalo e l'altro si fa una lavorazione particolare, visibile solo sul diritto che assomiglia ad una nervatura in questo modo: si attorciglia il portante tre o quattro volte e si passano tutte le coppie verticali meno quella del piede facendo scivolare il portante sotto, sopra e sotto la coppia verticale che viene passata.
Nel giro successivo, il ritorno verso sinistra, bisogna fare attenzione a raddrizzare le coppie e metterle in ordine e in tensione.


 


nella foto sopra è appena stato eseguita la riga di andata particolare in cui le coppie sono solo passate e non lavorate, in questo modo si ottiene il restringimento del petalo. Ricordarsi di eseguire questo passaggio alla fine di ogni petalo e anche alla fine della corolla.





tutti i rimanenti petali sono lavorati a punto tela con l'aggiunta di una coppia (totale 9); si esegue sempre il piede allesterno e all'interno ci si aggancia alternativamente allo spillo della fogliolina, girando il portante 2 o 3 volte per formare la barretta e alla cordetta. I puntini nel disegno a metà dei petali indicano che si deve fare un'andata e un ritorno a mezzo punto.









qui sopra ho eseguito il giro a mezzo punto








prima di fare la chiusura si elimineranno un paio di coppie e si eseguirà il passaggio descritto sopra di separazione tra un petalo e l'altro.





a questo punto non rimane che eseguire la rete nel mezzo del fiore. La rete si esegue in  diagonale incrociando 2 coppie. Si girano tre volte le 2 coppie, si incrocia e si posiziona lo spillo indi si girano le coppie due volte e si incrocia. Si raccomanda di tenere ben in tensione e in ordine le coppie. Eseguita la rete si agganciano le coppie dopo averle girate tre volte una ad una e si annodano e si tagliano i fili. 
La rosa è così completata.

Mi auguro che la spiegazione sia sufficientemente chiara ad ogni modo risponderò a chi avesse necessità di chiarimenti in merito. 
 


 

martedì 21 maggio 2013

Pizzo al tombolo

I lavori della mia maestra





dopo aver presentato la foto della sig. Marisa Fioretto, in compagnia mia e di mia mamma, voglio adesso mostrare una carrellata degli splendidi merletti esposti alla fiera di primavera del paese di Spinadesco, dove mi sono recata per salutarla e naturalmente complimentarmi per i suoi capo-lavori. (le fotografie a cura della Pro loco di Spinadesco sono di L. R.

E adesso ammirate:













la facciata della Cattedrale di Cremona




sabato 18 maggio 2013

La rosa di Cantù

Esecuzione     1^ parte







Solitamente durante il fine settimana si ha più tempo, se poi minaccia pioggia o è brutto, ecco che si rivela il momento più adatto per cominciare un nuovo lavoro. Allora mettiamoci all'opera.

Innanzitutto lavoriamo su un disegno de "il giardino dei punti"  di Milano, essendo questa rosa una lavorazione tipica della scuola di tombolo di Cantù.

Servono 11 coppie di fuselli per le 2 foglioline interne e 8/9 paia per i petali; uso il filato per tombolo n. 40 bianco. Come si vede dalla foto ho inserito la fotocopia del disegno tra i fogli della carta antiriflesso, comodissima per lavorare e proteggere il disegno.

Punti utilizzati: punto tela, mezzo punto e rete.



 



si inizia dalla punta di una fogliolina ponendo 5 coppie su uno spillo; si esegue il piede alle due estremità e si aumentano le coppie fino ad averne 11 paia ossia 5 +1 +5.






come si vede nel mezzo delle foglioline vi sono dei puntini che indicano la nervatura che si ottiene girando 2 volte il portante sia in andata che al ritorno dopo la lavorazione delle prime cinque coppie.






nella foto sopra ho sospeso la nervatura e sono all'ultimo giro prima della curvatura








abbandono la coppia del piede e col portante aggancio nell'ultimo spillo, poi successivamente abbandonerò il primo e il secondo portante, nel giro successivo lavoro tutte le coppie e riprendo il piede.






completata la curvatura riprendo anche a fare la nervatura dopo le 5 coppie.






si continua a procedere in questo modo facendo sempre il piede a destra e a sinistra fino a che si sospende la nervatura e si cominciano ad eliminare coppie finché si arriverà in punta con 4 paia rimanenti.








Continua...
 
 


venerdì 17 maggio 2013

domenica 12 maggio 2013

A Parma per Italia Invita








La mia prima volta alla manifestazione parmense e pertanto non ho alcuna possibilità di raffronto con le edizioni precedenti, in ogni modo ho trascorso in compagnia una giornata piacevolissima che mi ha arricchito di conoscenze, ho incontrato delle amiche ora non più solo virtuali, mi ha permesso di evadere dal  solito tran tran, mi ha ricaricato di idee ed energie e meno male perché ho fatto una scorta di idee e materiali che mi terranno occupata almeno per il prossimo anno.








 

I lavori partecipanti al concorso e di differenti tecniche di esecuzione: punto Bandera, tombolo, filet e ricamo

 e nelle foto seguenti alcune realizzazioni presentate nei differenti stand che mi hanno colpito





Tombolo e disegni

 la mostra del bottone

ricamo giapponese